Menopausa: rimedi naturali

La menopausa che cos’è e quali sono i disturbi più frequenti che compaiono in questa fase della vita di tutte le donne? Scopriamo insieme i rimedi naturali per ovviare ai principali fastidi, la dieta ideale da tenere in menopausa e come prevenire l’osteoporosi.

Cos’è la menopausa

Si definisce menopausa quel periodo della vita di una donna in cui termina la fertilità con la cessazione delle mestruazioni. Di norma avviene verso i 45/50 anni, ma si registrano casi di menopausa precoce (40 anni e anche prima), così come può essere ritardata fino ai 60 anni.
Con la menopausa non avviene più l’ovulazione e ciò comporta una diminuzione della produzione di estrogeni e, con il calo degli ormoni in circolo, l’organismo si trova ad affrontare diversi cambiamenti fisiologici.

I disturbi tipici

La menopausa comporta una serie di disturbi tipici. Non tutte le donne ne soffrono e soprattutto non tutte nello stesso modo, alcune addirittura passano indenni questo periodo della vita, ma la maggior parte è afflitta da uno o più sintomi che possono essere lievi ma anche provocare un profondo senso di disagio.
Tra i disturbi più comuni vi sono le cosiddette “caldane” o vampate di calore, caratterizzate da un senso di calore improvviso e da un’abbondante sudorazione, vi sono poi i brividi che possono seguire o precedere questa manifestazione.
Sono molto comuni anche una certa pinguedine, soprattutto nella regione addominale, ma anche irritabilità, insonnia, emicrania, secchezza dell’epidermide, cefalea e crescita di peli. Oltre a ciò si deve ricordare che la diminuita presenza di estrogeni non protegge più a sufficienza l’apparato urinario e genitale, perciò non è infrequente andare incontro a bruciori e cistiti. Sempre la carenza di estrogeni può portare a una carenza di calcio nelle ossa e a una conseguente osteoporosi, oltre a un maggior rischio di trombosi e arteriosclerosi. Si possono notare poi anche un calo del tono muscolare e del desiderio sessuale.

Cosa fare

Nella maggior parte dei casi non è necessario ricorrere all’aiuto del medico per attenuare i tipici disturbi del climaterio, se però si rivelano particolarmente fastidiosi e/o dolorosi si possono instaurare terapie specifiche. Rimane però il fatto che la donna si trova a vivere un periodo molto delicato e per questo motivo, anche se non soffre di alcuna patologia particolare, sente l’esigenza di alleviare il senso di disagio di cui può essere vittima.
Di norma si ritiene che integrando il livello di estrogeni nell’organismo si riesce a risolvere gran parte dei disturbi della menopausa e per la loro somministrazione non si ricorre a farmaci, ma a prodotti di erboristeria e a integratori alimentari.
E’ poi necessario provvedere a dei cambiamenti nella propria dieta e nel proprio modo di vivere se si desidera ritrovare nuovamente il benessere e la serenità.

Rimedi naturali

Il trifoglio rosso e la soia sono due vegetali che hanno la capacità di compensare la carenza di estrogeni e per questo motivo se ne consiglia l’assunzione per alleviare i disturbi legati alla menopausa. Oltre a essi si ricorre a tisane e infusi a base di camomilla, malva, iperico, salvia, mirtillo nero ed equiseto.

Il trifoglio rosso e la salvia

Il trifoglio rosso e la salvia sono ricchi di isoflavoni, fitoestrogeni che sono solubili in acqua e sono in grado di svolgere la stessa funzione regolatrice degli estrogeni. L’assunzione di compresse a base di trifoglio rosso si rivela molto utile per attenuare il disagio delle vampate di calore e gli sbalzi di umore. Si può scegliere anche la somministrazione con tisane, soprattutto per quel che riguarda la salvia e sono acquistabili in erboristeria e in farmacia.

Camomilla, malva, melissa e iperico

Per disturbi come l’insonnia la classica camomilla, assunta un paio di ore prima di coricarsi, ha proprietà rilassanti e concilia il sonno. Per l’irritabilità e gli sbalzi di umore sono indicate tisane a base di melissa e di malva che hanno anche una funzione blandamente antidepressiva. Decisamente antidepressivo è l’iperico, che in antichità veniva definito “scacciadiavoli”.

Equiseto

Per far fronte alla fragilità ossea si rivelano invece molto utili le tisane o le compresse a base di equiseto, che è un remineralizzante.

Mirtillo nero

In menopausa la donna deve proteggere anche vene e arterie e il suo sistema cardiaco diventa più debole, pertanto compresse o tisane a base di mirtillo nero sono assolutamente consigliabili, anche perché hanno un effetto rilassante.

Alimenti da evitare

L’alimentazione in questo periodo della vita della donna dovrebbe variare rispetto al passato perché il metabolismo rallenta e dunque diventa molto più facile ingrassare. Andrebbero eliminati i cibi ricchi di grassi, come il burro, lo strutto e diversi tipi di formaggi. Anche le carni rosse e gli insaccati dovrebbero essere ridotti drasticamente. Gli alcolici andrebbero assunti con estrema moderazione e lo stesso vale per il fumo, vizio che andrebbe debellato o quanto meno va ridotto il numero di sigarette.

Alimenti consigliati

Per dare all’organismo il giusto apporto di proteine si deve ricorrere alle carni bianche (pollo, coniglio e cavallo), che hanno un basso contenuto in grassi, e al pesce, prediligendo quello azzurro (acciughe, sgombri e sardine) e i pesci pescati nei mari del nord (salmone e merluzzo) che sono ricchi di omega 3 e contrastano colesterolo e triglieceridi. Si dovrebbe invece aumentare l’apporto di calcio per combattere l’osteoporosi, di soia, che ha diversi effetti benefici, e di frutta e verdura rossa o comunque colorata.

La soia

La soia è un vegetale molto ricco di fitoestrogeni che svolgono la stessa funzione di quelli umani. In menopausa è assolutamente consigliata una dieta che comprenda alimenti a base di soia, siano essi sotto forma di latte, farina o anche come compresse. Inoltre è possibile anche assumere tisane a base di questo prezioso vegetale. Si ottengono un’attenuazione delle vampate, della depressione e della pinguedine addominale.

Frutta e verdura rossa

Con l’inserimento nella propria dieta di frutti rossi (fragole, mirtilli, lamponi, ribes, melone) e verdura colorata, come carote, pomodori, melanzane e barbabietole, si ostacola un certo calo del tono muscolare perché sono molto ricchi di antiossidanti che combattono i radicali liberi. Nella stagione invernale, durante la quale molti di essi non sono reperibili, si può ricorrere a compresse o a tisane realizzate con i loro principi attivi.

I rimedi per l’osteoporosi

L’osteoporosi si previene innanzitutto a tavola con l’assunzione di cibi ricchi di calcio e potassio. Sì dunque a banane, cavolfiori, patate e assolutamente consigliati sono yogurt e formaggi magri e poi sono indicatissime le compresse di equiseto.

Rimedi per la pelle secca

In menopausa l’epidermide è meno idratata e tende a seccarsi pertanto è bene correre ai ripari con maschere e creme naturali che si possono anche preparare da sé. Sono perfetti il burro di karité, l’aloe vera e gli oli di mandorle, di maleluca e di avocado.

I rimedi per la perdita di tono muscolare

In questo caso si tratta di rimedi che si devono mettere in atto dimenticando la pigrizia. Si deve iniziare a frequentare una palestra, oppure fare molta attività fisica e, se invece si è piuttosto pigre, si deve almeno dedicarsi a lunghe passeggiate in bicicletta o a piedi.

Insomma la menopausa prevede un vero e proprio cambiamento negli stili di vita se si vuole continuare a vivere in serenità, aiutandosi con i tanti rimedi che la natura mette a disposizione.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo!

Pinterest

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>