Smagliature: rimedi naturali

Talvolta a seguito di una gravidanza, di una dieta molto ferrea o semplicemente con il passare degli anni, la pelle tende a perdere la compattezza che l’ha contraddistinta per lungo tempo, dando origine a delle smagliature. Grazie ad alcuni consigli pratici ed altrettanti rimedi naturali è oggi possibile ripristinare la tonicità perduta.

Cosa sono le smagliature

Le smagliature affliggono principalmente l’universo femminile, e sono un vero e proprio tallone d’Achille a livello estetico. Spesso la cosiddetta “prova costume” diventa una vera e propria tortura per chi ne porta i segni, diventando fonte di insicurezza o causa di mancanza d’autostima. Il problema per quanto prettamente estetico, dal momento che le smagliature non costituiscono affatto una patologia, è particolarmente sentito oltre ad essere alquanto fastidioso. In linea generale si tratta di un’atrofia del tessuto epidermico, che si manifesta visibilmente tramite delle cicatrici presenti sulla cute. Le fibre elastiche tendono a rompersi e nella quasi totalità dei casi sono permanenti, comparendo inizialmente come delle striature rossastre, che col passare del tempo si attenuano e diventano di colore bianco. Tra le aree più colpite troviamo sicuramente i seni e i glutei, ma anche cosce fianchi e addome sono fortemente interessate. Essendo delle manifestazioni difficilmente eliminabili, la prevenzione svolge un ruolo pressoché fondamentale al fine di arginare la comparsa delle smagliature, salvo i casi in cui si decide di ricorrere alla microchirurgia estetica per eliminarne i segni.

Cause delle smagliature

Innanzitutto bisogna sapere che la nostra pelle è composta da più strati, ovvero quello più superficiale chiamato epidermide, quello intermedio noto come derma e quello più profondo genericamente identificato come strato interno. Nel derma sono presenti delle fibre elastiche che consentono alla pelle di allungarsi o restringersi, ma nel caso in cui questo tipo di mutazioni avvengono in un periodo di tempo relativamente breve, (come ad esempio nel caso di una gravidanza) è probabile che queste si spezzino, originando le smagliature.

Quali sono le cause principali delle smagliature ?

Sebbene vi sia una predisposizione di carattere ereditario alle smagliature, questo fattore non costituisce la causa primaria della sua insorgenza. Nella maggioranza dei casi le smagliature possono derivare da:

  • Un fattore ormonale, infatti tra i responsabili principali troviamo la sovrapproduzione del gruppo di ormoni denominato corticosteroidi, prodotti dalla corteccia delle ghiandole surrenali.
  • Aumento o diminuzione di peso in un lasso di tempo molto limitato possono causare in alcuni soggetti la comparsa di smagliature.
  • L’alimentazione, o in maniera più specifica la denutrizione, può essere inserita tra le cause del problema.
  • Una o più gravidanze, in particolar modo se consecutive, aumentano notevolmente la possibilità che si verifichino delle smagliature.
  • Utilizzo prolungato di cortisone, che comporta gonfiori e ritenzione idrica è un fattore non di secondaria importanza.

Sintomi delle smagliature

A seguito della rottura delle fibre di collagene ed elastina, essenziali per garantire alla pelle la sua elasticità, si originano dei piccoli segni di colore rossastro. Col passare del tempo l’infiammazione iniziale si attenua e i segni assumono un colore bianco e talvolta lucido, proprio come una cicatrice. Benché dopo la loro formazione sia pressoché impossibile farle scomparire, si può tuttavia attenuarne i segni visibili ad occhio nudo.

Prevenire le smagliature

Dal momento che le smagliature interessano l’elasticità del tessuto epidermico, è possibile migliorarne l’elasticità per far fronte alla loro prematura insorgenza.

  • L’attività fisica è sicuramente uno tra gli accorgimenti principali da seguire, in quanto la tonicità della pelle e dei suoi tessuti può venire meno a causa di una vita sedentaria.
  • Un’alimentazione ricca di vitamina C ed E, la prima presente soprattutto nei vegetali a foglia verde, quali pomodori e peperoni, o nella frutta come il kiwi o l’arancia è un fattore determinate per conferire alla pelle una maggiore elasticità. E’ altresì possibile ricorrere a degli integratori vitaminici, nonostante sia consigliabile assumere le vitamine in maniera naturale.

Rimedi naturali contro le smagliature

Di seguito andremo ad illustrare in questa piccola rubrica alcuni efficaci trattamenti naturali utili a ridurre il fenomeno ed evitare spiacevoli inestetismi

Burro di Karitè

Questo metodo è di gran lunga tra i rimedi naturali di maggior diffusione: il burro di Karitè è noto per la sua capacità di ammorbidire la pelle. Facilmente reperibile in erboristeria o in negozi che vendono prodotti naturali, è necessario applicarne quotidianamente una piccola quantità nelle zone più colpite, soprattutto dopo la doccia ed accompagnano la sua applicazione ad un massaggio delicato.

Aloe vera

Pur essendo uno tra i rimedi più diffusi per contrastare le scottature causate da un’eccessiva esposizione solare, il gel d’aloe vera si rivela un ottimo alleato contro le smagliature. Il suo rapido assorbimento e il fatto che non unge la pelle lo differenzia dalla maggior parte degli oli.E’ consigliata un’applicazione quotidiana in quanto conferisce una migliore elasticità, soprattutto alla pelle nuova.

Olio di lino

Un’altro olio utilizzato su larga scala per combattere le smagliature è per l’appunto l’olio di lino. Ricco di omega-3, una categoria di acidi grassi essenziali all’organismo, aiuta l’organismo a produrre il collagene necessario a mantenere l’elasticità della pelle. Da conservare rigorosamente a basse temperature si può adoperare per praticare dei massaggi o può essere assunto come integratore alimentare, sostituendo altre tipologie di olio che generalmente si usano per condire gli alimenti.

Olio di cocco

Questa tipologia di olio è utile sia in fase di prevenzione che dopo la comparsa delle smagliature, ed è dotato di grandi proprietà emollienti. Ammorbidisce ed elasticizza la pelle come pochi altri e va applicato sulle parti interessate prima di procedere ad un delicato massaggio. Essendo un olio sensibile al variare della temperatura, può capitare che in inverno assuma una consistenza più solida: in questo caso è opportuno immergere la boccetta contenente l’olio di cocco nell’acqua calda per alcuni minuti, in modo da riportarlo ad uno stato liquido.

Oleolito alla calendula

Questo rimedio naturale, oltre ad essere particolarmente utile allo scopo è anche un’olio che si può produrre facilmente in casa seguendo alcuni semplici passaggi. Saranno sufficienti cinquanta grammi di petali del fiore di calendula, acquistabili in erboristeria già essiccati, e 25 cl d’olio extravergine d’oliva. Si lasciano i fiori in immersione nell’olio per circa venti giorni, al riparo dalla luce e in un barattolo ben sigillato. Passato il tempo necessario si filtra il contenuto e lo si conserva in una boccetta scura, possibilmente di vetro, stando attenti a non esporlo a fonti di calore o luminose. E’ un prezioso emolliente ed è indicato sia per la cura che per la prevenzione del fenomeno.

Succo di limone

L’impiego del succo di limone direttamente sulle parti più colpite potrebbe rivelarsi un’ottima arma per limitare le smagliature. In alternativa può essere abbinato all’utilizzo del gel di aloe vera, ed è particolarmente indicato in quanto essendo ricco di vitamina C stimola il corpo a produrre il collagene essenziale a garantire l’elasticità della pelle.

Olio di rosa mosqueta

Quest’olio è caratteristico del Cile, e lo si può trovare in erboristeria senza grandi problemi. Noto per le sue proprietà benefiche per la pelle, viene utilizzato per ridurre gli inestetismi causati dalle cicatrici. L’applicazione quotidiana di alcune gocce direttamente sulle smagliature, seguite da un lieve massaggio, può aiutare considerevolmente a limitare il fenomeno, specialmente se di natura biologica e privo di additivi.

Olio di mandorle dolci

Quest’ultimo rimedio naturale, anch’esso utilissimo a contenere gli inestetismi causati dalle smagliature, va applicato ogni giorno direttamente sulle cicatrici. E’ un olio molto sensibile alle alte temperature e alla luce, perciò va conservato con cura, ed è caratterizzato dalla massiccia presenza di vitamina E, che serve a mantenere la pelle giovane. Può essere impiegato anche per massaggiare le zone colpite ed è tra i rimedi più utilizzati in fase di gravidanza.

Conclusione

In ultima analisi si può dire che le smagliature possono essere ridotte e prevenute, ma è molto difficile cancellarle del tutto una volta che queste hanno fatto la loro comparsa sulla pelle. Seguire con meticolosità i consigli riportati in questa sezione è fondamentale se si vuole evitare che il fenomeno causi inestetismi ben più gravi delle sue prime manifestazioni. Perciò, sport, alimentazione e tanta attenzione per il proprio corpo possono a tutti gli effetti porre freno a questo problema, che costituisce una concreta ossessione soprattutto per le donne che hanno superato i quarant’anni d’età.